Parma… Gusto da vivere

Speciale!

Dopo EXPO 2015, e la designazione di Parma “Città creativa per la Gastronomia UNESCO”, la gastronomia italiana e la Food Valley di Parma sono più che mai sotto i riflettori. Una Cultura del Cibo così giustamente famosa non poteva maturare che qui. Vale la pena incontrare “in diretta” questo matrimonio perfetto tra cultura locale, tradizione e capacità produttive: in assoluto una delle cose migliori che abbiamo da offrire al mondo!

Alla corte dei prodotti tipici: Aristocrazia del gusto nel parmense
(durata: mezza giornata o giornata intera)

Incontriamo l’aristocrazia del buon cibo, là dove nascono (secondo le antiche regole, ma anche rispettando i Disciplinari della Qualità) il Prosciutto di Parma, il Culatello di Zibello, il Salame di Felino con i loro numerosi… fratelli e sorelle, e naturalmente sua maestà il Parmigiano Reggiano.
Come e dove nascono? Quali sono i segreti della loro eccellenza?

Avrete la possibilità di:
- seguire la “nascita” del Parmigiano Reggiano in caseificio o di visitare un prosciuttificio (o salumificio o produttore di culatello), con possibilità degustazione
e/o
– una visita guidata di uno dei nostri sei Musei del Cibo, con possibilità di degustazione.

Il Museo del Prosciutto

Il Museo del Prosciutto

E dato che arte del gusto e gusto dell’arte sono strettamente abbracciati, nel parmense, incontriamo anche l’aristocrazia vera e propria, produttrice di bellezza artistica e architettonica:

- nella zona di Langhirano, il castello di Torrechiara, legato al nome del “magnifico” conte Pier Maria Rossi. E’ possibile anche visitare la vicina Badia benedettina di S. Maria della Neve: sarebbe giusto, dato che i primi maestri europei dell’agricoltura e della gastronomia sono stati loro, i monaci!

Il Castello di Torrechiara

 

A pochi chilometri di distanza, a Mamiano di Traversetolo, si può anche raggiungere la splendida Villa Magnani, sede della Fondazione Magnani Rocca: capolavori d’arte in una cornice di grande bellezza.

goya-y-lucientes-enfante-don-luis550

La Sala Goya alla Fondazione Magnani Rocca

 

oppure, nella Bassa Parmense
– il castello (o Rocca) di Fontanellato, proprietà dei conti Sanvitale fino al secolo scorso, con la misteriosa saletta affrescata dal Parmigianino

Un affresco del Parmigianino alla Rocca Sanvitale

L’affresco del Parmigianino (Diana e Atteone) alla Rocca Sanvitale

- o a scelta, il castello (o Rocca) di Soragna, tanto severo all’esterno quanto splendido all’interno, degno della famiglia dei principi Meli Lupi, che ancora lo abita.

Rocca Meli Lupi

La Sala Bibiena alla Rocca Meli Lupi

Una splendida occasione per incontrare storia, arte, gusto e… dettagli misteriosi!

Contattatemi per costruire il vostro itinerario di visita!